Google InMarket Leads: cos’è e come ci aiuta

24/10/2018 18:02

inmarket

Dal 10 ottobre è disponibile l’estensione per Google Analytics di InMarket Leads, ma cos’è e come ci aiuta nelle attività di web marketing e Lead Generation di ogni giorno?

Normalmente siamo abituati a pensare al mercato, soprattutto a quello online, come al mondo del B2C in cui privati cittadini ricercano informazioni, prodotti e servizi forniti da aziende ma vale lo stesso anche nel B2B.

Al giorno d’oggi in cui il web è fonte imprescindibile di informazioni, succede allora che come gli utenti privati, anche le aziende si rivolgano inizialmente ai motori di ricerca per trovare nuove soluzioni, fornitori, partner e ovviamente clienti.

Secondo i dati di Google, ogni giorno più di 3 miliardi e mezzo di aziende si rivolgono al web per cercare prodotti, servizi e soluzioni per il proprio business. Ora, The Big G è in grado come sappiamo di tracciare tutte le ricerche che avvengo sul proprio motore di ricerca: quali parole vengono utilizzate, da quale città è effettuata una ricerca e anche da chi. E quest’ultimo è il dato più interessante. Mentre nel mondo b2C il “Chi cerca” è giustamente criptato a protezione della privacy degli utenti privati, nel mondo b2B le regole sono differenti, l’identità della aziende e di pubblico dominio.

Questo carattere pubblico delle aziende dunque, quando associato ad uno strumento di tracciamento e analisi dei comportamenti degli utenti in rete può fornire importanti informazioni, quali?

Nulla di più semplice della possibilità di acquisire (nel vero senso della parola) ovvero comprare, i lead in base alle keywords ricercate dagli utenti “aziendali” e alla località target che ci interessa.

inmarket leads

Ci spieghiamo meglio: la capacità di Google di raccogliere informazioni e di metterle a disposizione delle aziende è oggi la fondamentale fonte di monetizzazione del colosso del web. Si va dal semplice bid sulle keyword di AdWords fino alle liste di remarketing per la massima profilazione: questo oramai è stra-noto a chiunque nel settore della comunicazione web.

Ora ci si è spinti ancora un po’più in là: Google grazie a Fastbase, azienda nata nel 2015 per la predictive analysis e il machine learning, è oggi in grado di fornire (vendere) a noi agenzie di Web Marketing vere e proprie liste di leads (cioè contatti) in base alle keyword di ricerca che tali contatti hanno utilizzato per le loro ricerche sul web e alla country di provenienza.

Oro colato!

Tanto più che InMaket Leads oggi è disponibile come estensione di Google Analytics. Questo consente di associare l’analisi dei leads inmarket con i propri profili gestiti su analytics e quindi poter fornire ai nostri clienti profili altamente coerenti e lavorabili per la creazione di nuovo business

Di tali contatti, provenienti solo da domini aziendali ovviamente, possiamo estrarre: nome dell’azienda, indirizzo, Cap, città, Stato, numero di telefono, Sito Web, nome del contatto di riferimento (“chi” ha effettuato la ricerca), numero dei dipendenti dell’azienda, email e data della visita.

inmarket-esempio

In sostanza oggi possiamo “acquistare” i contatti degli utenti aziendali che ci hanno cercato, hanno visitato il nostro sito e utilizzarli per azioni di marketing mirate.

L’estensione Google Analytics è oggi a pagamento e con una price list che va dalla versione free senza informazioni di contatto (email e telefono) alla versione professionale da $375/mese che arriva a fornire addirittura l’indirizzo IP delle aziende visitanti e l’integrazione con i CRM.

Scoprite di più su Fastbase.com